28 Maggio 2015

Italia:Empowerment dei piccoli contadini e delle donne birmane: Sviluppo rurale e agroindustriale sostenibile per la pace e la democrazia

birmaniaDopo 60 anni di dittatura, promuovere lavoro dignitoso, diritti,  concorrenza leale e programmi di supporto all’ agricoltura sostenibile e organica.Questi gli obiettivi di uno dei progetti di ITALIA‐BIRMANIA.INSIEME, di cui SudgestAid scarl è socio fondatore, e della Federazione dei Lavoratori della terra birmani AFFM (Agricolture Farmers Federation Myanmar) che organizza 27.000 piccoli contadini, lavoratrici e lavoratori senza terra.
Nel paese l’agricoltura rappresenta il 43% del PIL e circa il 70% della forza lavoro nazionale; nonostante le grandi potenzialità di crescita, pesanti sono le condizioni di vita e lavoro degli addetti, a causa  dell’assenza di infrastrutture di base e di conoscenze e competenze tecniche.Per discutere di queste tematiche e per consolidare il rapporto di cooperazione con l’Italia, una delegazione di rappresentanti dei contadini birmani sarà a Milano per una serie di incontri istituzionali e di confronto per sostenere le forze politiche e sociali birmane impegnate nel processo di dialogo e di democratizzazione.I lavori prevedono anche un seminario dedicato a Expo che si svolgerà venerdi 29 maggio alla Cascina Triulza.

 

Inizio pagina

 

 

20 Ottobre 2014

Italia: Il progetto Archeomed a Ravello Lab, in collaborazione con Archeomedsites

ravelloDal 23 al 25 ottobre 2014 SudgestAid parteciperà, in qualità di partner di Archeomed  alla nona edizione di Ravello Lab -  Colloqui internazionali, manifestazione che intende approfondire nuovi modelli di governance, valorizzazione e gestione del patrimonio culturale e delle industrie creative, anche al fine di favorire lo sviluppo di nuove imprese e nuova occupazione, specie giovanile.  
Archeomed è un progetto finanziato dall’UE per mezzo del programma ENPI CBC MED con l’obiettivo di analizzare condizioni e strategie per la valorizzazione dei siti archeologici minori del mediterraneo.
L’invito per i partner e gli esperti di Archeomed a partecipare a Ravello LAB è giunto da parte di Archeomedsites, progetto guidato dal Ministero dei Beni Culturali e finanziato dall'ENPI-CBC Bacino del Mediterraneo, con l’obiettivo di creare una rete di istituzioni e scambiare buone pratiche per la salvaguardia e la valorizzazione di siti archeologici nei contesti urbani sulle due sponde del Mediterraneo.
La partecipazione a Ravello Lab è un’ulteriore occasione di collaborazione tra due progetti, uno ufficialmente concluso e l’altro in corso di svolgimento, entrambi finanziati dal programma ENPI, aventi obietti complementari.
Il dr Ibrahim Abu Aemar, dell’università di al Quds, Ziad Al Saad, professore dell’Università di Yarmouk ed Elisabetta Trenta, di SudgestAid, parteciperanno al panel Cooperazione culturale e progettazione territoriale euromediterranea.

 

Inizio pagina

 

 

2 Ottobre 2014

Italia: "ArcheoMed incontra Archeomedsites"

archeomedArcheoMed è ufficialmente terminato il 30 settembre 2014, ma continua la sua attività di diffusione e comunicazione in collaborazione con Archeomedsites. All’interno della struttura del progetto Archeomedsites, cofinanziato dal programma ENPI CBC MED 2007-2013, tre seminari intitolati “Il traffico illegale del Patrimonio Culturale: l’esperienza dei Carabinieri nella protezione del Patrimonio Culturale”, danno l’avvio ad un autunno pieno di attività e saranno realizzati, rispettivamente, il 1° Ottobre a Cagliari presso la Cittadella dei Musei – Aula Rossa, il 2 Ottobre a Sassari presso l’Aula Magna dell’Università – Piazza Università e il 3 Ottobre a Paestum presso il Museo Nazionale di Archeologia facente parte della Borsa Mediterranea del Turismo Archeologico. L’iniziativa, fortemente sostenuta dal Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo, attraverso l’Ufficio dell’Arte e dell’Architettura Contemporanea del PaBAAC (Direzione Generale per il Paesaggio, le Belle arti, l'Architettura e l'Arte contemporanee), partner capofila del progetto, in collaborazione con i partner del progetto, assume un significato quanto mai opportuno sul tema del traffico illegale del patrimonio culturale a livello internazionale. I temi discussi, tra gli altri, saranno “La cooperazione transnazionale come strumento di miglioramento del patrimonio culturale: il progetto ARCHEOMEDSITES” e “I problemi concernenti la protezione delle aree di interesse archeologico e le attività del CCTPC (Comando Carabinieri Tutela Patrimonio Culturale) riguardo agli scavi illeciti e alla tutela del Patrimonio Culturale appartenente allo Stato”, esperienze e testimonianze in situ.
archeomed2In occasione dell’incontro di Cagliari, Elisabetta Trenta, di SudgestAid, ha presentato un report su “SINERGIE E NUOVE PROSPETTIVE PER IL PATRIMONIO CULTURALE NEL MEDITERRANEO: IL PROGETTO ARCHEOMED INCONTRA ARCHEOMEDSITES”.
ArcheoMed ringrazia Archeomedsites per l’invito che ha rappresentato l’occasione per aprire le attività del network alla partecipazione di nuovi siti e nuovi Paesi.
La conferenza è stata un conferma aggiuntiva riguardo l’adeguatezza dell’approccio delle linee-guida elaborate da ArcheoMed per la gestione dei siti archeologici minori.
Le linee-guida sottolineano l’importanza della partecipazione delle comunità locali in tutte le fasi di identificazione e implementazione del piano di conservazione, mantenimento e gestione dei siti archeologici minori.
I SITI ARCHEOLOGICI non posso vivere senza essere connessi con i propri TERRITORI E COMUNITA’, e ogni intervento di conservazione e di restauro non sarà significativo se non sarà collegato ad un piano di valorizzazione che consideri il sito in relazione con le altre risorse del territorio.

 

Inizio pagina

 

 

16 Settembre 2014

Iraq: Ad una Società italiana l’assistenza per lo sviluppo dell’archeologia e del turismo a Nassiriya

iraq3Il Governatore della Regione di Thi Qar, nel sud dell’Iraq, la cui capitale è Nassiriya, ha assegnato a SudgestAid, una società consortile italiana composta da Link Campus University, Formez e Consedin, il compito di assistere la Provincia nella formazione di tutti i suoi dipendenti. I primi corsi saranno dedicati ai dirigenti, impiegati e operatori impegnati nel settore archeologico e turistico.
L’accordo, che si estende anche alla formazione dei Docenti delle Università di Thi Qar e dell’Università “Sumer”  e prevede la nascita di una Facoltà per il Restauro dei Beni Archeologici promossa con le competenze italiane, avrà una durata biennale, con l’impegno a rendere permanente il sodalizio.
SudgestAid lavora a Thi Qar dal 2004. Nel corso di questi anni ha sviluppato, anche su incarico del nostro Ministero degli Esteri italiano, molti importanti incarichi di formazione e di progettazione per lo sviluppo dell’area.
Scegliamo SudgestAid perché sappiamo come lavora” ha detto il Governatore di Thi Qar Yahiia Muhammed Al Nasiri, nella conferenza stampa a Nassiriya seguita alla firma degli accordi.iraq2 “Inoltre abbiamo fiducia - ha continuato- nella possibilità che questa collaborazione significhi rafforzare i rapporti con l’Italia, un Paese che amiamo e con il quale vogliamo stabilire un rapporto privilegiato
“Siamo molto ricchi – ha concluso il Governatore – e non dimenticheremo facilmente l’amicizia che ci verrà dimostrata in questo momento drammatico per il Paese; anche per questo ringraziamo SudgestAid”

 

Inizio pagina

 

10 Settembre 2014

Giordania: "Conferenza finale del progetto ArcheoMed"

Amman (Giordania): “Conferenza finale del progetto ArcheoMed - EU ENPI CBC MED”
ammanSi è svolta, nei giorni 7 e 8 settembre 2014, la Conferenza finale del progetto ArcheoMed finanziato dal programma ENPI CBC MED, che ha come scopo lo sviluppo di una politica regionale integrata per i beni archeologici minori del Mediterraneo.
Nel corso dell’evento, sono stati presentati i risultati e i prodotti raggiunti grazie alle attività progettuali e si è discusso il tema della sostenibilità del progetto stesso.
Inoltre a chiusura del meeting è stato sancito ufficialmente il gemellaggio tra le città di Canicattì, Licata (Italia), Umm Qais (Giordania) e Beit Sahour (Palestina), dirette interessate delle attività di progetto, ed è stato firmato l’accordo per il Piano Strategico tra tutti i partner.
Infine è stato presentato il Memorandum d’Intesa per un accordo di cooperazione tra le università di Al Quds (Palestina), Yarmouk (Giordania) e il Polo di Agrigento (Italia).
Alla Conferenza hanno partecipato tra gli altri: Issa Gamouh (Segretario generale del Ministero del Turismo e delle Antichità in Giordania), Patrizio Fondi (Ambasciatore italiano in Giordania), Maria Grazia Bellissario (Direttore del settore “Architettura e arte contemporanee” del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo italiano), la delegazione UE in Giordania e la Principessa di Giordania S.A. Sumay Bint El Hassan (madrina della Conferenza).

 

Inizio pagina

 

11 Luglio 2014

Inghilterra: "SudgestAid a Manchester per il progetto Resint "

manchesterIl secondo meeting del progetto Resint - Collaborative Reformation of Curricula on Resilience Management with  Intelligent Systems in Open Source and Augmented Reality”  si è tenuto a Manchester dal 8 al 10 luglio  2014.
SudgestAid ha partecipato in qualità di partner all’incontro organizzato Università di Salford, partner del progetto. Sudgestaid ha contribuito presentando uno studio sul Resilience Management e sulla sua attuazione in ambito accademico. Inoltre è responsabile per l’attività di disseminazione.
RESINT è co-finanziato nell’ambito del Lifelong Learning Programme  e si pone l’obiettivo di contribuire al miglioramento e allo sviluppo dell’offerta di programmi di formazione strutturati e corsi di studio sulla resilienza in caso di catastrofi naturali e disastri ambientali attraverso la sperimentazione di metodi di insegnamento innovativi, lo sviluppo di percorsi di formazione professionale quali stage e tirocini, la creazione di piattaforme e spazi condivisi per lo scambio e la diffusione di competenze. 
Elementi di novità del progetto sono rappresentati dall’utilizzo di sistemi tecnologici avanzati  per la creazione di un network inter-universitario virtuale e dall’attuazione di percorsi formativi con la metodologia didattica della realtà simulata.

 

Inizio pagina

 

16 Giugno 2014

Eu Tender: "Baseline Study and Data Collection for the fisheries sector in Yemen"

europaSudgestaid è stato shortlistato per un tender dell'Unione Europea: "Baseline Study and Data Collection for the fisheries sector in Yemen"

EuropeAid/134132/DH/SER/YE. Stiamo cercando esperti nelle seguenti posizioni:

- Project Team Leader / Socio Economic Expert

- Data Collection and Analysis Expert

- Senior Resource Assessment Expert.

Per avere maggiori informazioni sui requisiti necessari scarica l'applicazione al seguente link.

Se sei interessato invia il tuo CV ali seguenti indirizzi email in formato EU.

cioce@sudgestaid.itcaferri@sudgestaid.it

Inizio pagina

 

8 Giugno 2014

Sicilia: " Comitato di Pilotaggio del Progetto Archeomed" - ENPI CBC MED

Si è tenuto dal 4 al 7 Giugno 2014 la quinta riunione del comitato di pilotaggio del Progetto ArcheoMed, finanziato dal programma ENPI CBC MED. Durante il meeting sono state discusse dai partner le future fasi progettuali congiuntamente con i risultati ottenuti fino a questo momento. Il Polo Universitario di Agrigento ha ospitato l’evento. Sudgestaid è partner e promotore del progetto che è guidato dal Polo Universitario di Agrigento e vede la collaborazione della società tecnologica spagnola AIDO e, soprattutto, di due Università del Mediterraneo, YARMOUK (Giordania) ed AL QUDS (Palestina). Sono la Sicilia, la Giordania e la Palestina i primi tre nodi di una rete che concorrerà allo sviluppo di una politica regionale integrata per i beni archeologici minori del Mediterraneo.

Per avere maggiori informazioni sul progetto ArcheoMed visita il sito: http://www.archeomedproject.eu/ .

Inizio pagina

 

20 Maggio 2014

Libia: "Sudgestaid in Libia per il reintegro di ex combattenti nell’ ambito della polizia turistica"

libiaDal 13 al 16 maggio 2014 una delegazione di SudgestAid si è recata in Libia a Tripoli per l’avvio del progetto per il reintegro di ex combattenti nell’ ambito della polizia turistica come corpo di sicurezza per i siti archeologici. 
La delegazione composta da Elisabetta Trenta (SudgestAid) e Giulio Valente (STAM), ha incontrato Heitham Sultan, referente della LPRD (Libyan Program for Reintegration and Development), ex WAC (Warrior Affair Commission) ed il responsabile del campo militare presso il quale avverrà la formazione.
LPRD ha selezionato 120 giovani che seguiranno un percorso formativo di 45 giornate durante il quale gli ex combattenti, prima di essere saranno addestrati nel settore della sicurezza, seguiranno delle lezioni introduttive sui siti archeologici nei quali opereranno e sull’ importanza della loro protezione ai fini dello sviluppo del turismo e del miglioramento dell’economia locale.
In occasione degli incontri era stata decisa come data iniziale delle attività quella del 1 giugno ma in seguito al peggioramento della sicurezza registrato in questi giorni, è stato deciso di rimandare l’ inizio dei corsi alla fine del periodo di Ramadan.

 

Inizio pagina

 

16 aprile 2014

Bologna: "Kick off Meeting del progetto Resint"

resintIl primo kick off meeting del progetto Resint - Collaborative Reformation of Curricula on Resilience Management with  Intelligent Systems in Open Source and Augmented Reality”  si è tenuto a Bologna nelle giornate del 15 e del 16 aprile 2014.
SudgestAid ha partecipato in qualità di partner all’incontro organizzato dall’Almamater Studiorium- Università di Bologna, capofila del progetto. Durante le due giornate sono stati presentati gli obiettivi dell’azione e sono state illustrate le attività che verranno attuate.
RESINT è co-finanziato nell’ambito del Lifelong Learning Programme  e si pone l’obiettivo di contribuire al miglioramento e allo sviluppo dell’offerta di programmi di formazione strutturati e corsi di studio sulla resilienza in caso di catastrofi naturali e disastri ambientali attraverso la sperimentazione di metodi di insegnamento innovativi, lo sviluppo di percorsi di formazione professionale quali stage e tirocini, la creazione di piattaforme e spazi condivisi per lo scambio e la diffusione di competenze.
Elementi di novità del progetto sono rappresentati dall’utilizzo di sistemi tecnologici avanzati  per la creazione di un network inter-universitario virtuale e dall’attuazione di percorsi formativi con la metodologia didattica della realtà simulata.

 

Inizio pagina

 

1 aprile 2014

Italia: " Corso H.E.A.T. - Hostile Environment Awareness Training"

heat1Dal 27 al 30 Marzo 2014 si è svolto a Bugnara (Abruzzo)il corso HEAT nell'ambito del Master in Economia dello Sviluppo e Cooperazione Internazionale organizzato da Link Campus University e Stam Solution in collaborazione con SudgestAid. Il corso è dedicato alla formazione del personale civile che si reca in paesi con gravi problematiche di instabilità politica, criminalità , terrorismo e guerra civile. Il corso ha come obbiettivo l’addestramento e la formazione di personale interessato alla propria sopravvivenza e alla gestione della propria sicurezza personale. Tutte le attività sono svolte sotto stress indotto e in realtà simulata, seguendo una rigida disciplina imposta dalle regole del ‘’Role Play’’. heat2Attualmente il corso HEAT proposto da Link Campus University con la cooperazione di STAM è al vaglio della commisione Europe’s New Training Initiative for Civilian Crisis Management (ENTRi) dell’Unione Europea , che dal 2011 si occupa dell’addestramento del personale impegnato nelle Missioni della European Union ( EU ), United Nations (UN),Organization for Security and Co-operation in Europe(OSCE ), e Africa Union (AU).

 

Inizio pagina

 

 

16 Marzo 2014

Yemen: "Sperimentazione del Sistema Informativo Anagrafico FIRST (Flexible Information Registration System)"

yemen-01Si avvia la sperimentazione del sistema informativo anagrafico per gli immigrati dal Corno d’Africa.
Il Vice-Ministro degli Esteri yemenita, Ameer Al Aidros e Mohamed Al Ramli, Capo dell’Autorità Nazionale per l’Immigrazione e i Passaporti, hanno ufficialmente avviato Lunedì 17 marzo la sperimentazione del Sistema Informativo Anagrafico FIRST (Flexible Information Registration System), predisposto da SudgestAid ed Ancitel nell’ambito di un Progetto di Cooperazione finanziato dal Ministero degli Esteri italiano DG Affari Politici.yemen02
Il Sistema, che si compone di tre prime stazioni pilota, punta a facilitare le procedure ed ampliare la capacità di registrazione dei richiedenti asilo in Yemen, provenienti soprattutto dal Corno d’Africa. “Si tratta di uno strumento essenziale per la gestione di un fenomeno complesso quale quello rappresentato dalle migliaia di immigrati annuali in un paese povero come lo Yemen” ha affermato Mohamed al Ramli. yemen03La flessibilità dello strumento tecnico che ci è stato proposto da SudgestAid-Ancitel ci spinge ad esaminare l’uso di questa sistema non solo per la registrazione dei migranti, ma anche per l’organizzazione dei sistemi anagrafici per la popolazione locale yemenita” ha aggiunto il Vice Ministro Al Aidros.

Inizio pagina

 

11 Marzo 2014

Roma : Seminario sul turismo archeologico e religioso ad Ur con il Governatore di Thi Qar, Yahia Muhammad Abbas Al Nasiry

iraq-seminario

Download il Programma del Seminario

 

 

11 Dicembre 2013

Iraq : Da domani pellegrinaggio Opera Romana Pellegrinaggi

iraqParte domani per l'Iraq dall'aeroporto di Fiumicino la delegazione dell'Opera Romana Pellegrinaggi guidata da mons. Liberio Andreatta, amministratore delegato e Vice Presidente di Opera Romana Pellegrinaggi. La delegazione sarà nel paese dal 12 al 19 di dicembre. Si compirà così in Iraq il "Gesto profetico", una tradizione dell'Opera Romana Pellegrinaggi iniziata nel 1991 da monsignor Andreatta, sempre benedetta da Papa Giovanni Paolo II. "Il gesto profetico è un gesto simbolico. Si chiama 'profetico' perchè richiama i segni biblici, i segni che Dio ha compiuto per la salvezza dell'uomo e li ripropone nel tempo", spiega monsignor Andreatta che ha portato a papa Francesco gli oggetti che materialmente verranno portati in Iraq come dono agli "uomini di buona volontà" di quella terra dilaniata da così tanti anni di guerra, di sofferenza e di dolore. Il Papa ha benedetto gli oggetti prima dell'Udienza generale del 4 dicembre scorso.

Monsignor Andreatta guiderà il pellegrinaggio nella Terra di Abramo in sintonia con le parole che Papa Francesco ha pronunciato al termine dell'Udienza Generale del 30 ottobre 2013: 'Vi invito a pregare per la cara nazione irachena purtroppo colpita quotidianamente da tragici episodi di violenza perche' trovi la strada della riconciliazione, della pace, dell'unità e della stabilita". Con la reliquia di Giovanni Paolo II che verrà collocata nella Cattedrale Siro-Cattolica, verranno portate: una statua di Giovanni Paolo II che verrà lasciata alla Cattedrale Caldea, un'icona processionale che verrà donata alla Cattedrale Armena e infine una lampada della pace che verrà lasciata alla Cattedrale Latina.

Inizio pagina

 

14 Ottobre 2013

EU: "Assegnazione del Lotto 7 dei Framework Contract - Governance and Home Affairs"

EU

Il lotto 7 dei Framework Contract – Governance and Home Affairs è stato assegnato a SudgestAid nell’ambito del consorzio guidato da Ars Progetti.

Siamo alla ricerca di esperti nei seguenti settori:

- Diritti Umani;

- Supporto alla democratizzazione;

- Rinforzamento della Rule of Law e amministrazione della giustizia;

- Riforma della Pubblica Amministrazione;

- Decentralizzazione e sviluppo locale;

- Rafforzamento del ruolo della società civile;

- Home Affairs, lotta al crimine organizzato e terrorismo.

Invia il tuo CV in formato EU all’indirizzo email: info@sudgestaid.it

 

Inizio pagina

 

8 Ottobre 2013

Iraq: "L'iniziativa italiana nel sud dell'Iraq - Conferenza Italia-Iraq"

iraqLa conferenza si è aperta con gli interventi del Governatorato, del Consiglio Provinciale e della Commissione Investimenti di Thi Qar, organizzatrice dell’iniziativa insieme a SudgestAid. La Conferenza ha avuto il patrocinio, per l’Italia, di SIMEST e ICE, a seguito delle intese assunte, nei mesi scorsi, anche con Rappresentanti delle Istituzioni locali Irachene in missione in Italia, tenendo conto dell’importanza di un Programma di sviluppo del turismo culturale ed ambientale anche nell’attrazione degli investimenti e nello sviluppo di partnership economiche tra i due Paesi.
iraq-italiaLe relazioni tecniche sul sito di UR e sulle sue potenzialità ed esigenze sono state tenute da un Esperto iracheno e dal Prof. Massimo Vidale dell'Università di Padova. Ha portato il suo contributo anche il Prof.  Franco D’Agostino della Sapienza.
Nell’intervento di SudgestAid si è soprattutto sottolineato il ruolo che l’Italia può svolgere nel settore del turismo e di quello culturale e ambientale in particolare, a sostegno dello sviluppo del Sud Iraq. Per le sue esperienze l’Italia è il partner ideale, è stato detto. E’ stata presentata la proposta di un “Master Plan” e del suo titolo simbolico: “FUTURE OF THI QAR”

Inizio pagina

 

23 Settembre 2013

Spagna:“Comitato di Pilotaggio nell’ambito del progetto ArcheoMed”

comitato di pilotaggioSi è tenuto dal 16 al 20 Settembre 2013 la quarta riunione del comitato di pilotaggio del Progetto ArcheoMed. Si è discusso delle future fasi progettuali ed in particolare della costituzione del network dei siti archeologici minori del Mediterraneo con l'obiettivo di individuare politiche congiunte di conservazione e gestione dei beni archeologici e di marketing delle aree che li ospitano. Aido ha ospitato l’evento. Sudgestaid è partner e promotore del progetto che è guidato dal Polo Universitario di Agrigento e vede la collaborazione della società tecnologica spagnola AIDO e, soprattutto, di due Università del Mediterraneo, YARMOUK (Giordania) ed AL QUDS (Palestina). Sono la Sicilia, la Giordania e la Palestina i primi tre nodi di una rete che concorrerà allo sviluppo di una politica regionale integrata per i beni archeologici minori del Mediterraneo.

Inizio pagina

 

25 Luglio 2013

Iraq: "Il turismo archeologico, religioso e ambientale nella Provincia di Thi Qar"

italia-iraqUn programma per lo sviluppo del  turismo archeologico, religioso e ambientale del Sud dell’Iraq, nella Regione di Thi Qar, che ha come Capitale Nassiriya: questa l’idea forza intorno alla quale le Autorità locali, con il supporto di SudgestAid e l’incoraggiamento del Ministero degli Affari Esteri, hanno deciso di far convergere gli sforzi per rafforzare i rapporti culturali e d’affari con l’Italia, proponendo partnership e opportunità di investimento. L’area, che è una delle più ricche di petrolio in Iraq ed è al centro di grandi programmi di investimento da parte del Governo Nazionale e di investitori internazionali, ha infatti anche un grande potenziale di crescita nel settore del turismo. Questa zona, identificata dal Vecchio Testamento come il giardino dell'Eden, comprende un patrimonio naturale e culturale di inestimabile valore. I paesaggi unici delle celebri Marshlands, hanno ospitato i primi esperimenti di insediamento permanente. Il Convegno che si svolgerà dal 28 Settembre al 2 Ottobre e avrà anche una caratteristica itinerante, piena di occasioni di cultura e di confronto, vedrà relazioni di Esperti e rappresentanti istituzionali che inizieranno a tracciare la Road-Map del Programma.
Parallelamente un grande spazio verrà dato a rappresentanti del mondo dell’imprenditoria italiana ed irachena, al fine di promuovere opportunità di incontro per iniziative produttive e commerciali legate al miglioramento delle condizione dei servizi, della ricettività, dell’assetto del territorio e delle produzioni alimentari agricole, all’edilizia, in modo coerente con lo sforzo di incentivare l’attrazione turistica.

Programma della conferenza

Inizio pagina

 

10 Luglio 2013

Italia- Iraq : Una delegazione irachena di funzionari dell’Investment Commission di Thi Qar a Roma per un percorso formativo sul marketing territoriale

marketing-ter-iraqNell’ambito del progetto per lo sviluppo economico della provincia di Thi Qar, finanziato dalla DGAP del Ministero degli Affari Esteri e realizzato da SudgestAid, dieci funzionari dell’IC di Thi Qar sono venuti a Roma all’inizio del mese di luglio per prendere parte ad un percorso formativo sul marketing territoriale.
Il corso, con un forte taglio pratico-esperienziale, è stato progettato per attivare nei partecipanti le capacità e gli strumenti per l’attrazione degli investimenti per la valorizzazione e promozione del territorio.
Partendo dalle definizioni di mission e vision e dall’individuazione dei valori chiave del territorio, il percorso formativo ha sviluppato le abilità per la costruzione di un disegno territoriale strategico per lo sviluppo e per la definizione degli elementi per la sua attuazione e per il monitoraggio e la comunicazione degli interventi avviati.
I risultati raggiunti sono stati molto buoni e la valutazione da parte dei beneficiari sulla qualità e l’efficacia della formazione è stata molto positiva.

Inizio pagina

 

18 giugno 2013

Italia: Expandere – Compagnia delle Opere – Workshop di SudgestAid sugli investimenti in Iraq

Il 18 Giugno 2013 SudgestAid è stato invitato a partecipare al Workshop “Expandere”, un’idea di Compagnia delle opere pensata per offrire alle imprese del territorio un occasione di incontro e scambio di opportunità così da favorire lo sviluppo di una rete in cui siano protagonisti gli imprenditori.
Expandere  ha l'obiettivo di favorire le relazioni tra imprenditori mettendoli in contatto diretto, in modo da far incontrare gli interessi reciproci. Si tratta in particolare, di un workshop in cui i partecipanti hanno a disposizione uno spazio preallestito e la possibilità, attraverso l'incontro con gli altri imprenditori presenti, di cercare nuove opportunità.
Durante l’incontro SudgestAid ha presentato le potenzialità di investimento nel sud dell’Iraq. A tal proposito è stato ipotizzato un accordo con il CDO anche in previsione delle iniziative sul turismo religioso che SudgestAid sta sviluppando su specifica richiesta del Ministero degli Esteri.  

Inizio pagina

 

6 giugno 2013

Italia: Seminario - Libano, un debole laboratorio interconfessionale, tra la guerra siriana e la forza di Israele

All'interno del Master in Economia dello Sviluppo e Cooperazione Internazionale si terrà il 5 luglio 2013 presso la Link Campus University un seminario sul complesso scenario libanese stretto tra la guerra siriana ed il nervosismo di Israele  che andrà a discutere  anche aspetti legati al dialogo interreligioso, alla convivenza complessa tra tradizioni e culture e sistemi familistico-tribali diversi.

Interventi:

  • Consigliere Francesco Forte (Capo Ufficio III della Dir. Generale Cooperazione allo Sviluppo del Ministero degli Affari Esteri);
  • Maurizio Zandri (Direttore del Master Economia dello Sviluppo e Cooperazione Internazionale e Direttore Generale SudgestAid);
  • Elisabetta Trenta (Programme Manager SudgestAid).
  • Scarica la brochure del seminario

    Inizio pagina

     

    17 aprile 2013

    Italia: “Comitato di Pilotaggio nell’ambito del progetto ArcheoMed”

    archeomed romaSi è svolto dal 17 al 19 aprile 2013 la terza riunione del comitato di pilotaggio del Progetto ArcheoMed in cui si sono discusse le future fasi progettuali, il monitoraggio delle attività implementate e i miglioramenti del sistema manageriale del progetto. SudgestAid ha ospitato l’evento. Creare un network dei siti archeologici minori del Mediterraneo ed individuare politiche congiunte di conservazione e gestione dei beni archeologici e di marketing delle aree che li ospitano è l’obiettivo del progetto ArcheoMed.

    Sudgestaid è partner e promotore del progetto che è guidato dal Polo Universitario di Agrigento e vede la collaborazione della società tecnologica spagnola AIDO e, soprattutto, di due Università del Mediterraneo, YARMOUK (Giordania) ed AL QUDS (Palestina). Sono la Sicilia, la Giordania e la Palestina i primi tre nodi di una rete che concorrerà allo sviluppo di una politica regionale integrata per i beni archeologici minori del Mediterraneo.

    Inizio pagina


    27 marzo 2013

    Iraq: Una delegazione irachena di funzionari dell’Investment Commission di Thi Qar a Roma per un percorso formativo sulla leadership

    delegazione Iraq 2 Nell’ambito del progetto per lo sviluppo economico della provincia di Thi Qar, finanziato dalla DGAP del Ministero degli Affari Esteri e realizzato da SudgestAid, nove funzionari dell’IC di Thi Qar sono venuti a Roma per prendere parte ad un percorso formativo sulla leadership.

    Il corso, con un forte taglio pratico-esperienziale, è stato progettato per attivare nei partecipanti un’evoluzione delle abilità nel contesto organizzativo; partendo dal concetto di leadership e dalle sue declinazioni, attraverso la sperimentazione in aula, si è arrivati a rafforzare la consapevolezza e la conoscenza dei partecipanti rispetto ai comportamenti, alla presa delle decisioni, alla gestione di un gruppo di lavoro e ai diversi stili di comunicazione dei leader.

    I risultati raggiunti sono stati molto buoni e la valutazione da parte dei beneficiari sulla qualità e l’efficacia della formazione è stata molto positiva.

    Inizio pagina


    27 marzo 2013

    Iraq: Una delegazione irachena istituzionale a Roma per avviare percorsi di turismo religioso e archeologico in Mesopotamia

    Delegazione irachena a RomaNell’ambito delle attività del progetto per lo sviluppo economico di Thi Qar, finanziato dalla DGAP del Ministero degli Affari Esteri e realizzato da SudgestAid, è stato identificato il turismo religioso e archeologico quale idea forza intorno alla quale far convergere gli interventi delle autorità locali per lo sviluppo e la promozione dell’imprenditoria italiana nella Provincia di Thi Qar.

    La regione ha infatti un grande potenziale di crescita nel settore del turismo, identificata dal Vecchio Testamento come il giardino dell’Eden, comprende un patrimonio naturale e culturale di inestimabile valore, testimoniato anche dalla ricchezza di beni archeologici. Tra questi siti, universalmente famosa è la città capitale sumera di Ur, il luogo di nascita di Abramo, punto di incontro delle tre religioni monoteiste.

    In tale quadro si sono svolti i lavori della delegazione irachena che ha incontrato oltre ai soggetti istituzionali quali il Ministero degli Affari Esteri e il Comune di Roma, anche le organizzazioni per la promozione ed il supporto all’imprenditoria italiana all’estero, ICE e SIMEST, e l’Opera Romana Pellegrinaggi con cui si è concordato di organizzare nel mese di novembre 2013, a chiusura dell’anno della fede, un pellegrinaggio ad UR.

    Tale viaggio sarà, oltre che un’azione di avvio e di apertura di nuovi itinerari per l’ORP, anche il volano per la promozione del turismo nell’area e quindi di tutte le azioni e gli interventi di sviluppo ad esso necessarie, che prevedranno un forte coinvolgimento della realtà imprenditoriale italiana.

    Inizio pagina


    2 marzo 2013

    Libia: Missione di SudgestAid in Libia per l’avvio del progetto che porterà alla creazione dell’ Heritage Police

    libia Heritage Police Dal 25 febbraio al 1 marzo esperti di SudgestAid e Stam hanno condotto una missione in Libia per incontrare i responsabili della Warrior Affair Commission e del Dipartimento delle Antichità. Le politiche di smilitarizzazione e di reintegro degli ex combattenti sono una delle condizioni essenziali per il ritorno alla normalità di un paese che esca da un conflitto armato. In Libia SudgestAid ha da poco avviato un progetto destinato alla Warrior Affair Commission (WAC), dipartimento della Presidenza del Consiglio dei Ministri, il cui compito è la riabilitazione degli ex combattenti e la loro reintegrazione nel tessuto sociale/lavorativo.

    Con il contributo del Ministero degli Affari Esteri, SudgestAid realizzerà un progetto pilota per la formazione di unità di sicurezza per la salvaguardia e lo sviluppo turistico dei siti archeologici di Leptis Magna, Sabratha, Cirene anche nel quadro della costituzione di una “cultural heritage police”. Alla fine di febbraio 2013 si è svolta una missione necessaria per avviare formalmente le attività in loco ed avviare un intervento che mira a favorire un processo di disarmo dei combattenti libici non inseriti nelle forze armate e nei corpi centrali di polizia, riducendo i rischi di conflittualità e favorendo l’occupazione e lo sviluppo, in un quadro concertato e partecipativo.

    Gli esperti di SudgestAid e di STAM Solutions hanno incontrato il direttore generale della WAC Mustafa Elsagezli ed il responsabile della Comunicazione, Aeiman Baaker, per concordare con loro le modalità operative del progetto. La WAC curerà la selezione degli ex combattenti che accederanno ad un programma di formazione che prevede moduli di formazione di base sullo sviluppo locale, sui siti archeologici e sul ruolo delle forze di sicurezza nei siti archeologici oltre a moduli teorico pratici su come si assicura la sicurezza dei turisti e dei siti. Insieme alla WAC anche il Dipartimento delle Antichità sarà uno dei beneficiari del progetto. Nel corso della missione gli esperti di SudgestAid hanno incontrato il suo direttore, Nwiji Goma, il quale ha confermato l’ interesse ed il completo sostegno del Dipartimento al programma.

    Con la realizzazione dell’intervento SudgestAid contribuirà a rafforzare la sicurezza dei siti archeologici, favorendone la loro promozione turistica sostenibile, a creare nuova occupazione in un settore di grande utilità e visibilità internazionale, a sperimentare un modello di Unità di sicurezza che possa favorire la nascita ed il rafforzamento di una “cultural heritage police ed a generare elementi di sviluppo locale nelle aree interessate dall’intervento.

    Inizio pagina


    13 febbraio 2013

    Afghanistan: Delegazione di Herat in Italia dal 16 al 23 febbraio

    Sudgestaid-Incontri con diverse realtà istituzionali iracheneDal 16 al 23 febbraio prossimi a Roma e Genova si terrà il Workshop di chiusura del Progetto-pilota “Sviluppo Locale, Good Governance e rafforzamento delle capacità di indirizzo e controllo della spesa nella Provincia di Herat” realizzato dall’Università di Genova con il contributo dalla Cooperazione italiana allo Sviluppo del Ministero degli Affari Esteri e la partecipazione alla realizzazione sul campo da parte di SudgestAid.

    Si tratta di uno dei più grandi progetti di formazione, finanziati dall’Italia, in Afghanistan. L’iniziativa ha infatti portato in aula 140 dirigenti e funzionari della Pubblica Amministrazioni di Herat provenienti dai 16 Distretti che compongono la Provincia, dall’Ufficio del Governatorato, da dieci diverse Direzioni operative tra cui Agricoltura, Lavori Pubblici, Sanità, Educazione, Finanza; dalla Municipalità di Herat e dagli Uffici del Consiglio Provinciale. Obiettivo dei corsi di formazione, incentrati su Strategic Planning, Project Cycle Management e Public Procurement, è stato quello di rafforzare le loro capacità di fare Piani strategici di sviluppo, coordinare progetti, aumentare la trasparenza e l’efficienza negli acquisti e nelle procedure di appalto.

    Il Progetto voluto dal Governatore di Herat è stato promosso dall’Università di Genova con l’indirizzo ed il contributo della Cooperazione Italiana allo sviluppo (DGCS-MAE) e la realizzazione sul campo affidata all’Università stessa in partnership con SudgestAid, Società consortile italiana specializzata in interventi di supporto alla governance in Aree di crisi.

    Per rafforzare la autonomia delle Istituzioni locali e la loro capacità di promozione e governo del territorio, i docenti scelti per la realizzazione dei corsi sono stati tutti Afghani, dell’Università di Herat, aiutati da uno specifico corso di formazione-formatori tenuto da esperti italiani e internazionali e da una piattaforma di assistenza a distanza che terrà costantemente in contatto l’Università di Genova, SudgestAid , l’Università di Herat e i partecipanti ai corsi.

    Il workshop prevede:

    • Incontro con il Ministero degli Affari Esteri e con la Cooperazione allo Sviluppo Italiana per la presentazione e valutazione dei risultati progettuali;
    • Incontri seminariali di approfondimento sui temi dello Strategic Planning, Project Cycle Management e Public Procurement e di implementazione della Piattaforma di assistenza/formazione a distanza;
    • Incontri con realtà istituzionali Italiane locali e regionali, per uno scambio di esperienze.

    L’attività di coordinamento generale e dei contenuti, di organizzazione e logistica delle attività in Italia sopra descritte verrà garantita dallo staff di progetto dell’Università di Genova e di SudgestAid.

    Inizio pagina


    10 febbraio 2013

    Italia: Master in Economia dello Sviluppo e Cooperazione Internazionale (MESCOI) 2013-2014

    Master MESCOIIl 9 marzo 2013 partirà la seconda edizione del Master in Economia dello Sviluppo e Cooperazione Internazionale. Organizzato da Link Campus University e SudgestAid, il Master è finalizzato alla formazione di esperti in materia di economia dello sviluppo e di cooperazione. Il percorso formativo prevede attività di aula, laboratori tematici e uno stage finale.
    Il profilo professionale in uscita è volto a rispondere alle crescenti esigenze di figure specialistiche operanti a livello comunitario ed internazionale in materia di programmazione, attuazione e valutazione delle politiche di sviluppo.
    Il Master intende creare competenze specialistiche per professionalità capaci di individuare le più adeguate traiettorie di sviluppo in contesti eterogenei e di disegnare, attuare e valutare politiche integrate per la cooperazione e lo sviluppo economico e sociale anche in contesti difficili.
    Il profilo professionale di riferimento, adeguato ai nuovi contesti e alle nuove sfide internazionali, è in grado di:

    • Interpretare le variabili di contesto che influiscono sullo sviluppo economico e sociale;
    • Contribuire alla programmazione di politiche di sviluppo integrate;
    • Individuare adeguati strumenti di attuazione delle politiche;
    • Coordinare programmi di sviluppo durante tutto il loro ciclo di vita;
    • Interagire con i principali stakeholders coinvolti nelle attività di cooperazione internazionale;
    • Negoziare e gestire conflitti tra attori e stakeholders coinvolti nelle attività di cooperazione internazionale.

    Scarica la brochure del Master

    Inizio pagina

    Archivio News